Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie
Ok
"Se vuoi costruire una nave, non richiamare prima di tutto gente che procuri legna, che prepari gli attrezzi, non distribuire compiti, non organizzare il lavoro. Prima, invece, sveglia negli uomini la nostalgia del mare lontano e sconfinato." (Antoine De Saint Exupéry)
Endurance
26/06/2014

SOCIAL MEDIA MARKETING: 5 STRATEGIE PER OTTENERE FOLLOWER E BRAND AWARENESS

Secondo il Social Media Industry Report del 2014 realizzato da Social Media Examiner il 97% delle imprese utilizza i Social Media con finalità di marketing e il 92% ritiene che questi costituiscano un fattore importante per il loro successo.

Per meglio comprendere quali strategie i Marketer impiegano per ottimizzare i loro Social Media Content presentiamo una ricerca online condotta da Software Advice in partnership con Adobe.

La maggioranza dei partecipanti alla ricerca sono Marketer impiegati presso piccole imprese: il 43% lavorano per società che hanno fino a 10 dipendenti e il 34% per organizzazioni con un numero di dipendenti compreso tra le 11 e le 100 unità. Il restante 22% opera per enti con oltre 100 dipendenti.

Demographics: Respondent Size by Number of Employees

Fonte: The B2B Marketing Mentor

I risultati ottenuti sono stati commentati da Liz Strauss, classificata da Forbes 2013 al settimo posto nella “Top 50 Social Media Power Influencers”.

1. La maggioranza dei Marketer usano 3 o più Social Network

Tra i Marketer che hanno partecipato al sondaggio, l’84% ha dichiarato di postare attivamente su almeno tre o più social network, in prevalenza Facebook, Twitter e LinkedIn.

Number of Active Social Media Outlets


Fonte: The B2B Marketing Mentor

Una percentuale complessiva pari al 61% ha postato su almeno 4 social network ed un 20% su almeno 6.

Strauss osserva che un considerevole numero di utilizzatori “usano i Social Media in maniera inefficace, postando in maniera casuale, senza avere determinato obiettivi, e senza una reale comprensione delle specifiche finalità che possono essere perseguite per ogni canale”.

In altre parole, vi è una significativa e rilevante differenza tra pubblicare frequentemente e postare strategicamente. Una reale strategia di Social Media Marketing non implica “buttare su” una quantità indiscriminata di post. Ma richiede di pubblicare “quelli giusti”.

2. La maggioranza dei Marketer postano frequentemente e pianificano la pubblicazione in anticipo

Il 70% dei Marketer ha dichiarato di postare almeno una volta al giorno, mentre il 19% arriva a pubblicare più di 3 volte nel corso della stessa giornata. Per converso, soltanto il 16% ha detto di caricare contenuti meno di una volta al giorno, mentre il 14% ha riferito di non seguire alcuna pianificazione.

Il fatto che così tanti Marketer pubblichino così frequentemente e regolarmente è ulteriormente impressivo considerando il notevole sforzo creativo che i vari Social Media impongono in ragione della varietà di contenuti ospitati (ad esempio Twitter pone un limite di 140 caratteri e YouTube richiede video).

Number of Social Media Posts per Day

Fonte: The B2B Marketing Mentor

Al quesito relativo alla definizione dell’Editorial Calendar, il 41% dei partecipanti al sondaggio ha detto di pianificare la pubblicazione dei Social Content in un time frame compreso tra alcuni giorni e una settimana, mentre soltanto il 12% non ha indicato di seguire alcuna strategia.

How Far in Advance Posts Are Scheduled

Fonte: The B2B Marketing Mentor

Nel loro insieme, i dati dimostrano che molti operatori seguono un piano definito per generare e pubblicare in modo continuo e regolare contenuti.

Come risultato, le aziende che non riescono a pubblicare costantemente hanno difficoltà a sviluppare Brand Awareness e Customer Engagement, di fronte a concorrenti che hanno adottato un calendario editoriale organizzato e dettagliato.

3. Immagini e Hashtag sono tattiche importanti

Gli intervistati hanno citato con maggiore frequenza immagini e hashtag come elementi cruciali di ottimizzazione dei contenuti per i Social Media. L'utilizzo di video è stato ritenuto “moderatamente importante” da oltre il 68%.

Most Important Tactics for Optimizing Content on Social Media

Fonte: The B2B Marketing Mentor

Il fatto che una significativa maggioranza di Marketer abbia considerato le 7 tattiche indicate nel diagramma superiore come importanti indica che gli operatori ritengono che una efficace strategia di Social Media Marketing richiede un approccio multidimensionale composto da una pluralità di contenuti e di azioni di marketing.

Tuttavia, Strauss sostiene che le priorità degli intervistati dovrebbero essere riviste. Ad esempio, dice, che dare priorità a immagini e hashtag senza avere preventivamente definito e indirizzato i contenuti ad una target audience sovverte l’ordine logico del procedimento e rivela una preoccupante mancanza di comprensione di strategia di base dei Social Media.

E’ pacifico che le immagini aumentano l’engagement dell’uditorio, osserva, “ma come si fa a sapere quali immagini hanno un impatto positivo sul pubblico se non si sa a chi vengono indirizzate queste immagini?”.

Strauss inoltre crede che i Marketer dovrebbe attribuire maggiore rilevanza alle calls-to-action (CTA): “se non chiedi di visitare il tuo sito la gente probabilmente nemmeno si domanderà se hai un sito”.

In ogni caso, sottolinea, queste tattiche funzionano soltanto “quando si sa esattamente chi si sta tentando di raggiungere e quello che si vuole che il target faccia”. Questo significa che le immagini e le CTA devono essere attentamente selezionate per ottenere una specifica azione da una specifica audience.

Ad esempio, quando Oracle ha voluto promuovere un evento alla South by Soutwest Interactive Conference (SXSW) con Chevrolet, ha usato l’hashtag #sxswi per condividere una immagine promozionale con i partecipanti.

Fonte: The B2B Marketing Mentor

Ha anche incluso lo username @Chevrolet per condividerla con l’audience del suo partner e una CTA per incoraggiare gli utenti a seguire l’evento tramite l’hashtag #IdeaRally [rally in inglese significa raduno, N.d.R.] e partecipare alla discussione.

E perché questo tweet era perfettamente pertinente ai partecipanti che seguivano l’hashtag #sxswi, gli utenti hanno risposto positivamente al CTA e hanno condiviso il tweet con i loro Follower.

4. I Marketer hanno aumentato i Follower e sviluppato Brand Awareness

La ricerca era anche indirizzata a comprendere quali fossero gli obiettivi di Social Media Marketing e se ed in che misura venissero realizzati. La maggioranza degli intervistati ha risposto di avere ottenuto un discreto successo nell'ottenere nuovi Follower (74%) e nel costruire Brand Awareness (77%).

Questo dato suggerisce che i business focalizzano le loro azioni di Social Media Marketing nella duplice attività di creare una audience e nel coinvolgerla al fine di stabilire una relazione che la rende recettiva a future azioni di Digital Marketing (ad esempio Email Marketing).

Infatti, il 29% ed il 19% degli intervistati ha dichiarato di avere ottenuto rispettivamente ottenuto “successo” e “molto successo” nello sviluppare contatti (Lead Nurtring) sia nella fase di vendita sia con esistenti clienti.

 Goals Marketers Most Successfully Achieve Through Social Content

Fonte: The B2B Marketing Mentor

Permane, tuttavia, un 29% di Marketer che hanno dichiarato di avere ottenuto un “minimo successo” o “nessun successo” nell'impiego dei Social Media nello sviluppare relazioni. In aggiunta, il 32% ha avuto difficoltà nel fidelizzare il target, il 39% nel generare lead e il 51% nello sviluppare vendite dirette.

Secondo Strauss, questo suggerisce che molte imprese stanno iniziando ad applicare tattiche di Social Media Marketing (ad esempio le social CTA) e a perseguire obiettivi per quanto “nebulosi” ed indefiniti.

Tuttavia non integrano le singole azioni in una visione strategica globale, in particolare che si adatti ai loro mercati di riferimento e che si si basi sulla definizione e sul raggiungimento di obiettivi misurabili e controllabili.

5. La maggior parte dei Marketer usano software per gestire i loro Social Content

Oltre la metà degli intervistati (57%) ha dichiarato che le società per le quali lavorano usano software specifici per la gestione dei contenuti e il monitoraggio dei Social Media.

Considerando che molti di tali strumenti sono stati rilasciati soltanto da pochi anni, questo risultato indica un tasso significativo di adozione dei nuovi mezzi a riprova del fatto che i Marketers stanno cercando di prendere sul serio la gestione dei Social Media.

Use of Software or Services to Automate Posting

Fonte: The B2B Marketing Mentor

Tuttavia, permane un rilevante 43% di Marketers che continua a gestire manualmente i Social Media. Secondo Strauss, il mancato impiego di questi strumenti determina una condizione di estremo svantaggio, perché il software è necessario per generare dati diretti ad individuare le strategie di Social Media Marketing che funzionano rispetto a quelle inefficaci.

“Se non vengono definiti degli obiettivi con i relativi parametri di misurazione, evidentemente sarà del tutto impossibile raggiungere qualsivoglia obiettivo”, sottolinea Strauss.

“Senza misurare i risultati, agendo in maniera meramente intuitiva, è altamente probabile ottenere una visione distorta della realtà. Ed anche nel caso in cui le intuizioni siano corrette, sarà molto più facile persuadere il proprio capo o i propri clienti della correttezza della strategia proposta se è sostenuta da statistiche piuttosto che da argomentazioni meramente teoriche”.

Considerato il numero rilevanti di competitor che impiegano questi strumenti e la varietà di prodotti disponibili a prezzi accessibili o gratuiti, sta diventando ancora più difficile giustificare il mancato impiego di software di gestione e monitoraggio dei Social Media.

Conclusioni

Dalla ricerca condotta per comprendere come i Digital Marketer ottimizzano i Social Media emergono i seguenti Key Finding:

  1. La maggioranza dei Marketer usano 3 o più Social Network
  2. La maggioranza dei Marketer postano frequentemente e pianificano la pubblicazione in anticipo
  3. Immagini e Hashtag sono tattiche importanti
  4. I Marketer hanno aumentato i Follower e sviluppato Brand Awareness
  5. La maggior parte dei Marketer usano software per gestire i loro Social Content

Scopri le soluzioni di Endurance per il Digital Marketing